ABITARE SECONDO L’ARTE DEL FENG SHUI

ABITARE SECONDO L’ARTE DEL FENG SHUI

Fondata sulla filosofia taoista, la disciplina cinese, nata circa 4000 anni fa, insegna come disporre l’arredamento della casa armonizzando le nostre energie con l’ambiente che ci circonda

stampa articolo Scarica pdf

Più che mai in questo periodo di isolamento forzato le case rappresentano un rifugio sicuro e, complice anche il maggior tempo a disposizione, molti sono quelli che stanno apportando modifiche al loro ambiente con una sistemazione dei mobili più consona alle esigenze quotidiane e con qualche novità intesa a dare un senso di maggiore vivacità e, magari, di sano ottimismo. E allora perché non prendere qualche suggerimento dal Feng Shui l’antica arte fondata sulla filosofia taoista che ricerca l’equilibrio all’interno delle abitazioni per migliorarle in tutti gli aspetti.

Nata circa 4000 anni fa ha subito nel corso dei secoli influenze da parte delle varie culture e religioni che si sono avvicendate durante la storia dell’Impero cinese con l’intento di trovare il giusto equilibrio fra lo “Yin” e lo “Yang” all’interno delle case affinché il corpo e lo spirito ne possano trarre grandi giovamenti. Non a caso il termine “Feng Shui” significa “Vento” come simbolo dei mutamenti che migliorano la vita e “Acqua” come rappresentazione del benessere.

La disciplina esige che in una casa ad ogni elemento corrisponda un tipo di forma, colore, materiale e tipo di arredo. Così al “Legno” appartengono i tipi di forme alte e strette, le piante ed i fiori, i mobili in vimini. All’elemento “Fuoco” corrispondono le colorazioni rosse, l’illuminazione, gli oggetti appuntiti, il telefono, il computer, gli oggetti in pelle e in plastica. Della “Terra” sono le forme di tipo piatto e i colori che vanno dal giallo al marrone. All’elemento “Metallo” appartengono i cristalli, i piatti, le forme rotonde. Tutti gli oggetti riguardanti la musica, il vetro, gli acquari, i colori dal blu scuro al nero, appartengono all’elemento “Acqua”.

L’arte del Feng Shui, dunque, consiglia tutta una serie di rimedi e trucchi per vivere meglio. Ad esempio tenere nelle stanze cristalli pendenti, specchi e piante rigogliose, serve sicuramente al potenziamento dell’energia. Gli angoli non vanno mai lasciati spogli ma riempiti con piante e tavolini. L’acqua, che richiama anche il denaro, è fondamentale ma non deve mai essere stagnante perché porterebbe cattivi influssi. Come bilanciamento di energia si possono usare candele e incensi posti a Nord Est da usare soprattutto in un ambiente che si è scelto come proprio spazio di meditazione.

Riguardo alla camera da letto è opportuno dormire con la testa a nord perché l’energia del nord porta calma e serenità. Non posizionare mai piante e, soprattutto, bisogna provvedere a togliere tutti quegli oggetti non relazionati al riposo e al sonno come computer, tablet o altri dispositivi pensati per il lavoro compreso il cellulare.

Se invece si cercano i colori giusti alle pareti per vivere meglio, il Feng Shui consiglia di evitare le carte da parati con dei motivi disegnati. Meglio optare per le sfumature del verde o del blu nelle tonalità più chiare per la camera da letto, il rosso o l’arancione nel soggiorno per facilitare la conversazione e il giallo, in cucina come fonte di energia e per stimolare il buon appetito. Da non dimenticare che la regola fondamentale del Feng Shui è il mantenimento dell’ordine. Quindi bisogna evitare il superfluo e l’accumulo di oggetti inutilizzati o in disordine per non correre il pericolo di impedire il fluire delle energie positive.

                                                                  Rosario Schibeci 

© Riproduzione riservata