Il Promettente E Caldo Mercato Del Gioco D'azzardo Del Kenya

Il Promettente E Caldo Mercato Del Gioco D'azzardo Del Kenya

Un'altra cosa interessante è che la legalizzazione dell'industria del gioco d'azzardo è avvenuta 50 anni fa, ma il settore ha iniziato a svilupparsi solo con l'arrivo di internet mobile, gadget e scommesse online nel continente.

stampa articolo Scarica pdf



Il Kenya è stato uno dei primi paesi africani a legalizzare il gioco d'azzardo in tutte le sue manifestazioni. È successo nel 1966. Il governo e gli enti statali prepararono il Betting Lotteries and Gaming Act, un documento legislativo per la nuova industria. A ciò seguì l'istituzione di un ente regolatore per il controllo delle forme di gioco d'azzardo autorizzate: il Betting Control and Licensing Board. Nel 1966, gli investimenti per la costruzione di casinò si sono riversati in Kenya. Parlando di Europa, il Myempire casino è particolarmente popolare nella regione: per saperne di più sul mercato del gioco d'azzardo keniota prima di giocare al Myempire casino, leggi qui di seguito.

Un'altra cosa interessante è che la legalizzazione dell'industria del gioco d'azzardo è avvenuta 50 anni fa, ma il settore ha iniziato a svilupparsi solo con l'arrivo di internet mobile, gadget e scommesse online nel continente. Gli esperti di gioco d'azzardo africani sostengono che il motore della crescita dell'industria del gioco in Kenya è stato l'impressionante mercato delle scommesse. Non c'è da stupirsi, visto che l'amore dei locali per il calcio è fuori scala.

I principali mercati del gioco d'azzardo in Kenya

Ci sono circa 30 casinò autorizzati nel paese. I principali centri di gioco d'azzardo si trovano nelle principali città del Kenya. I passatempi più popolari dei kenioti e dei turisti sono la roulette, il poker e il blackjack. Nei casinò sono presenti sale con slot machine. Nel paese ci sono circa 1300 slot machine e circa 200 tavoli da gioco. Un gran numero di macchine è disponibile anche al Myempire casino.

Tuttavia, i casinò in Kenya sono lontani dalla popolarità delle scommesse sportive. Sul territorio della repubblica 30 bookmaker autorizzati accettano scommesse. Il ricavo medio annuo di tutti gli uffici è di 3 miliardi di dollari USA.

Il boom delle scommesse sportive in Kenya

Le scommesse sportive in Africa hanno vissuto un vero e proprio boom dal 2015 ad oggi. Tanzania, Nigeria, Sudafrica e Kenya hanno registrato un notevole afflusso di giocatori nei negozi di scommesse e un corrispondente aumento della redditività degli operatori di scommesse. I motivi sono stati citati in precedenza: l'amore degli africani e dei kenioti in particolare per il calcio, soprattutto per i campionati di Inghilterra e Spagna.

Un altro fattore di crescita delle scommesse è l'internet mobile e l'uso di gadget per le scommesse sportive. In Kenya esiste il sistema monetario M-Pesa, che supporta le transazioni mobili. Secondo i calcoli degli esperti, il numero di scommesse da dispositivi mobili si sta avvicinando con sicurezza all'indicatore del 100%.

La redditività del mercato del gioco d'azzardo in Kenya è seconda solo a quella del Sudafrica e della Nigeria. Il rapporto PwC ha registrato la dinamica di crescita del GGR dal 2014 al 2019 da 20 a 30 milioni di dollari. Nelle previsioni per il 2020, gli esperti parlano di un fatturato delle scommesse di 50 milioni di dollari.

Le nuove direzioni del gioco d'azzardo - cybersport e sport virtuali - non suscitano ancora entusiasmo tra i kenioti. La redditività di questo settore è bassa, anche dopo la creazione della Kenya Cybersports Federation.

Un giocatore keniota è...?

Il giocatore keniota tipico ha un'età compresa tra i 22 e i 34 anni. Ha un reddito economico basso e spesso gioca dal cellulare. Il tipo di giochi preferiti sono le slot machine. I giovani giocatori in Kenya sono la maggioranza (58%). Di questi, il 70% sono uomini e il 45% sono donne. Le scommesse vengono effettuate più spesso da smartphone - 88% del totale. Il 58% dei giocatori kenioti scommette almeno una volta alla settimana.  Al Myempire casino è possibile giocare anche dal telefono.

La maggior parte dei giocatori accaniti in Kenya sono poveri: il 54% della popolazione del paese. Questo significa solo una cosa per il mercato del gioco d'azzardo: la prevalenza di scommesse a basso costo. Nonostante ciò, gli operatori ottengono un profitto costante. Il keniota medio spende 50 dollari a settimana per il gioco d'azzardo. Ogni anno il settore porta 28-35 milioni di dollari di tasse all'erario della repubblica. Si tratta della terza cifra dopo Sudafrica e Nigeria.

Nell'estate del 2019, gli operatori kenioti hanno litigato con il governo per le tasse. Le agenzie statali hanno accusato i casinò di non essere disposti a pagare le tasse all'erario in base alle nuove "tariffe". Ricordiamo che il parlamento keniota ha approvato una legge che prevede l'eliminazione delle tasse dalle scommesse e dalle vincite dei giocatori. Pertanto, agli operatori è stato proposto di pagare il fatturato medio del gioco d'azzardo.

Alcuni operatori in Kenya sono rimasti nella causa, ma hanno presentato una class action presso il Tribunale d'Appello del paese. L'essenza della richiesta è la seguente: l'imposta del 20% dovrebbe essere applicata alle vincite dei giocatori e dovrebbe essere detratta solo da questi ultimi, non dagli operatori. Questa è la cosa principale che devi sapere prima di giocare al Myempire casino.

Gregorio Pastorelli 

 



© Riproduzione riservata