La Musica Ha Sempre Accompagnato I Miei Momenti, Come Una Colonna Sonora

La Musica Ha Sempre Accompagnato I Miei Momenti, Come Una Colonna Sonora

Se tu non conosci la sofferenza non hai conosciuto realmente te stesso ancora...

211
0
stampa articolo Scarica pdf

La musica ha sempre accompagnato i miei momenti, come una colonna sonora e se ripenso a “Viva” di Luciano Ligabue, mi vengono in mente anni difficili, ma come vedi sono qui, tutto passa, basta rialzarsi sempre e nella vita ne ho fatte di cadute!Io sono così, lo sono sempre stata, ingorda di tutto quello che mi é sempre girato intorno. "... Questa qua é per te..." ho i brividi, mi illudo che Liga mi conosca, che mi abbia osservata in una piccola parte di mondo. Non mi sono mai tirata indietro e se ho indietreggiato é perché prendevo la rincorsa per affrontare e non per sconfiggere o vincere. Mai a testa bassa!Mi sono sempre fatta trascinare dalle emozioni, vissute sempre fino a rosicchiare l'osso, misuro ogni parola, a volte paranoica, complicata ma mai di facciata. Gli altri...quante volte chi mi hanno osservata, hanno battuto magari anche i pugni...Perché? Perché qualcuno apprezzava il mio modo di reagire, sorriso o ghigno sulle labbra, occhi fieri pronti ad osservare e scrutare, non il superfluo di quello che vedevano, ma il nascosto di cio` che osservavano.Mi sono tuffata all’interno, ho impastato le mie mani ed è cambiato tutto... A volte me le sono sporcate e basta, oppure me le sono sporcate a tal punto che quel fango non é piu' tale...È diventato un fantastico terriccio da irrigare...magari pronto a partorire splendidi fiori. Dipendeva solo da me e quasi sempre sono andata in ALL IN...sapevo che potevo vincere o perdere...eh già, perdere... solo quando ho perso, ho capito che stavo conoscendo la vera me!Quella donna/ragazza che si sente viva anche nella burrasca e che mette tutta se stessa senza riserve! Una volta in un libro ho letto: “se tu non conosci la sofferenza non hai conosciuto realmente te stesso ancora! Nei momenti più duri è lì che conosci l’altra parte di te, quella che se non avresti mai conosciuto”!Quando ho toccato il fondo, mi sono sentita completamente in ginocchio, ma lì mi sono sentita realmente io, li mi sono sentita ”Viva”, stavo risorgendo, anche se qualche lacrima scendeva silenziosa. Ti possono piegare ma mai nessuno puo' distruggerti, se tu non lo permetti. Liga conclude così: “Viva Viva cosi' come sei quanta vita hai contagiato quanta vita brucerai”!

Francesca (Frappi) Marchegiani

Facebook https://m.facebook.com/profile.php?id=1524274125

Instagram fra.ppi

© Riproduzione riservata