Top&Flop Lazio-Genoa 4-0 Serie A 2019-2020: Ciro Mania, Riscatto Strakosha

Top&Flop Lazio-Genoa 4-0 Serie A 2019-2020: Ciro Mania, Riscatto Strakosha

La Lazio cala il poker contro i rossoblù in un pomeriggio perfetto. Milinkovic si sblocca, segna e fa segnare

36
stampa articolo Scarica pdf

E' una Lazio perfetta. Per capirlo basti pensare che al 6^ minuto di gioco, alla prima occasione, trova il gol del vantaggio. Vantaggio protetto da uno Strakosha che si supera e festeggia le sue 100 partite in A con una super prestazione. 

Questi i giocatori che ci hanno impressionato nella sesta giornata di Serie A Lazio-Genoa del 29 settembre 2019 terminata con un netto 4 a 0.

Milinkovic-Savic - Apre le marcature al primo tentativo dopo sei minuti di gioco ed è lui stesso a recuperare il pallone e a costruire l'azione. L'assist di Ciro Immobile è perfetto, ma il gol dal limite è da grande giocatore. Segna, crea e spicca ovunque, anche in fase difensiva. E' suo anche l'assist per Caicedo che cala il tris. Quando si ricorda il suo valore, dimostra di essere veramente uno dei centrocampisti più forti in circolazione. Completo, perchè fa interventi prodigiosi anche in difesa. 
Luis Alberto - Si autoregala una prestazione Top per il suo compleanno appena passato e per la 100esima presenza biancoceleste. Le cose belle, eleganti...da numero 10 passano per i suoi piedi, ma è letale anche più avanti, sotto porta. Al 35^ trova il gol: l'assist, perfetto, di Ciro Immobile, il suo tiro ha fatto esplodere l'Olimpico, ma tutto annullato per un fallo precedente. E allora confeziona l'assist per Radu: il tiro del difensore  dai sedici metri sotto l'incrocio è una prodezza che lascia increduli anche i compagni di squadra.  Nella Lazio votata all'attacco se non segni fai segnare il compagno e Luis Alberto si riscatta così. Cala nella ripresa, ma non ci sono sbavature nella sua prestazione.

Immobile - Fa il 104^ gol in maglia biancoceleste, contro il Genoa cala il poker e sale  a 5 gol in Serie A. Anche lui segna e partecipa così alla festa biancoceleste, ma si rivela anche un formidabile assist man e soprattutto conferma la sua generosità e il rapporto ricucito con Simone Inzaghi. Segna ed abbraccia il suo tecnico, esce tra gli applausi e saluta i suoi tifosi. 

Strakosha - Dalle stalle alle stelle in una settimana, così si riscatta Strakosha. Un errore in avvio quando il punteggi era ancora di 0 a 0, ma poi si riscatta alla grande. Prima salva il vantaggio con un miracolo su colpo di testa di Romero, ma è al 23^ che si supera. Prima nega il gol a Cassata, che tenta il tiro dal limite, ma sulla  ribattuta c'è Sanabria che tocca per Lerager: altro miracolo. Pairetto aveva comunque fermato il gioco per un controllo con la mano (dubbio) dell'attaccante del Genoa. Bravo anche nel lancio perfetto che fa involare Immobile in contropiede. Nella ripresa un altro intervento da applausi su Sanabria. Il risultato è al sicuro, ma Strakosha questa volta non si distrae.

Difficile dire chi sia stato il peggiore in campo tra i biancocelesti in un pomeriggio dove tutto sembra funzionare alla grande. 
Flop  - 

Correa - Condizionato indubbiamente da un problema fisico che lo accompagna dai primi minuti. Resiste  fino al 6^ del secondo tempo per poi lasciare il posto a Caicedo, ma in campo cammina o poco più. A Milano tante le occasioni da rete fallite, anche per un super Handanovic para tutto. Contro il Genoa conferma di avere più feeling con il pallone e con i compagni che con la porta avversaria. Arriva sul pallone con poca convinzione e i suoi tiri sono per lo più passaggi al portiere avversario.

Enrica Di Carlo 

© Riproduzione riservata