Pre-Match Roma - Cagliari Stagione 19-20

Fonseca fa i conti con gli infortuni, mentre il Ninja torna, per la prima volta "a casa" da ex.

107
stampa articolo Scarica pdf

Dopo lo scottante pareggio contro il Wolfsberger in Europa League, si riparte dall’Olimpico e dal Cagliari per dimostrare che la Roma può essere, veramente, una squadra competitiva in grado di lottare, già dall’anno zero, per il quarto posto.

Si dice che la fortuna sia cieca, di sicuro a vederci benissimo in quel di Trigoria è, invece, la sfortuna e purtroppo, ancora una volta, bisognerà fare i conti con una parola che negli ultimi due anni è diventata un vero e proprio incubo in casa giallorossa: INFORTUNIO. Dopo i ko di Pellegrini e Mkhitaryan, è arrivata anche la batosta Zappacosta e, oggi, con l’ulteriore assenza di Florenzi per influenza, Fonseca dovrà reinventarsi nuovamente la formazione.

E mentre in difesa si gioca al ballottaggio tra Fazio e Mancini per affiancare Smalling, la scommessa a centrocampo è su chi tra Veretout e Cristante guadagnerà il posto di tre quartista alle spalle di Dzeko e chi resterà più centrale insieme a Dwara. Vista la soluzione adottata da Fonseca nel finale della partita di giovedì, è facile pensare che sarà Veretout ad avanzare.

Quella di oggi sarà anche la partita del primo ritorno di Radja Nainggolan da ex all’Olimpico. Un ritorno emotivamente carico per entrambe le parti, perché lui, il Ninja, a Roma ha lasciato un pezzo del suo cuore e da Roma non avrebbe mai voluto andarsene e i tifosi questo lo sanno bene e mai dimenticheranno cosa ha significato Radja per la squadra capitolina: il belga divenuto romano e romanista, attaccato alla maglia come pochi altri e che a Roma ha affiancato il suo nome a tante iniziative benefiche. Nainggolan, Ninja giallorosso a vita.

E sarà proprio a lui e agli altri due ex, Luca Pellegrini e Robin Olsen, che il tecnico cagliaritano si affiderà, dal primo minuto, per fare risultato all’Olimpico.

E se, da una parte, si teme sempre il gol dell’ex, noi da tifosi, questa volta, speriamo nella papera dell’ex.

PROBABILI FORMAZIONI

ROMA (4-2-3-1): Pau Lopez; Spinazzola, Mancini, Smalling, Kolarov; Diawara, Cristante; Zaniolo, Veretout, Kluivert; Dzeko. All. Fonseca.

CAGLIARI (4-3-1-2): Olsen; Cacciatore, Ceppitelli, Pisacane, Lu. Pellegrini; Nandez, Cigarini, Ionita; Nainggolan; Joao Pedro, Simeone. All. Maran.

CURIOSITÀ E STATISTICHE

Sono 78 i precedenti in Serie A tra Roma e Cagliari (34 vittorie Roma, 26 pareggi, 18 vittorie Cagliari). 208 le reti segnate (118 per i giallorossi 90 per i rossoblu).

Negli ultimi 5 precedenti, la Roma ha conquistato la vittoria 4 volte, portando a casa solo 1 pareggio.

Maran ha affrontato la Roma 11 volte (1 vittoria, 5 pareggi e 5 sconfitte).

Il Cagliari non segna all’Olimpico contro la Roma da 5 trasferte.

In questa stagione, la Roma ha vinto all’Olimpico una sola volta, contro il Sassuolo, mentre il Cagliari non ha mai perso in trasferta.

Il Cagliari è imbattuto da 4 partite di Serie A (3V, 1N).

La Roma è reduce dalla prima sconfitta interna in Serie A, dopo 5 vittorie e 2 pareggi.

Il Cagliari non vinceva due trasferte consecutive in Serie A dal 2013 e non ne vince 3 dal 1992.

La Roma è la squadra ad aver segnato più gol nel primo tempo in questo campionato, mentre il Cagliari è la seconda squadra ad averne subiti meno.

La vittoria con maggiore scarto risale alla stagione 2004-2005: Roma-Cagliari 5-1 2′ Dellas (R), 6′ rig. Totti (R), 31’ Suazo (C), 64’ Perrotta (R), 89′ e 90′ Montella (R).

Il risultato più frequente: Roma-Cagliari 1-1, (7 volte).

Alessia Graffi

© Riproduzione riservata