ROMA – JUVENTUS 1-2 STAGIONE 19-20. LE PAGELLE GIALLOROSSE

ROMA – JUVENTUS 1-2 STAGIONE 19-20. LE PAGELLE GIALLOROSSE

In una serata che verrà ricordata, purtroppo, solo per il grave infortunio a Nicolò Zaniolo, la Roma sembra lo spettro di sé stessa.

119
stampa articolo Scarica pdf

Fonte immagine Emanuele Gembino

In una serata che verrà ricordata, purtroppo, solo per il grave infortunio a Nicolò Zaniolo, la Roma sembra lo spettro di sé stessa.

Priva di concentrazione e scarsa di intenti, nel primo tempo sbaglia tutto, regalando nettamente il vantaggio ai bianconeri.

Nella ripresa sembra ricordarsi di essere una Squadra e prova a fare la partita, riuscendoci anche, ma risulta comunque troppo confusionaria e in totale disaccordo con la rete: crea poco e quel poco lo spreca.

Un primo tempo tutto da rivedere e un secondo tempo che lascia comunque qualche speranza.

LE PAGELLE GIALLOROSSE

Pau Lopez 5,5 – Perde colpi proprio laddove riesce meglio e le conseguenze si fanno sentire subito. Al 10’ sbaglia completamente il rinvio giocando corto e regalando alla Juventus l’azione che porterà al rigore realizzato da Ronaldo. A fine tempo salva la porta su diagonale di CR7, evitando il 3-0, ma non è sufficiente a guadagnarsi la sufficienza.

Florenzi 6 – Ha davanti a sé il Fenomeno e una pressione costante di tutta la squadra avversaria che riconosce in lui il punto debole, ma si fa trovare pronto e in più di un’occasione blocca gli avversari. Prova a dare spinta in avanti, arrivando diverse volte al cross. Non una partita brillante, ma sicuramente una partita da Capitano.

Smalling 5,5 – Rivelazione indiscussa a inizio campionato, il rientro dalle festività sembra averlo trasformato. Nel primo tempo sbaglia moltissimo, regalando a Demiral l’occasione del vantaggio bianconero. Fatica per tutti i primi 45 minuti, mancando di quella sicurezza cui ci aveva abituati, cresce nella ripresa insieme a tutta la squadra, proponendo anche spunti in avanti. Deve ritrovare se stesso.

Mancini 6 – Fa sicuramente meglio del suo compagno di reparto gestendo da solo la difesa, cresce anche lui nel secondo tempo, ma risulta, comunque, molto distante dal Mancini che eravamo abituati a vedere. Pecca di generosità, regalando alla Juve una rimessa per un Dybala semi a terra e innescando l’azione del rigore. Un errore che da lui non ti aspetti.

Kolarov 4,5 – Il Kolosso Kolarov perde colpi e a risentirne è tutta la squadra. Con lui non al massimo della forma, il gioco sulla sinistra stenta e non ferisce. Già contro il Torino aveva dato qualche avvisaglia, ieri sera ha dimostrato, chiaramente, di non riuscire mai a entrare in partita, sia fisicamente sia mentalmente. Rimedia un cartellino pesante che lo lascerà fuori nella gara contro il Genoa e non riesce a infierire nemmeno su punizione, sbagliando due grandi occasioni.

Diawara 6,5 – Migliore in campo anche stavolta, è l’unico a dare spinta alla squadra e a non sbagliare quasi nulla. Non è facile tenere testa da solo ai colossi bianconeri, ma lui si prende il centrocampo e va avanti per la sua strada, creando gioco e recuperando palloni. Sarà difficile strappargli la maglia da titolare.

Veretout 4,5 – Pilastro indiscusso per tutta la fase iniziale del campionato, Fonseca si vede costretto a toglierlo per la seconda gara consecutiva. Non entra mai in partita e lascia a Diawara l’onere di gestire il centrocampo. Causa il rigore bianconero con un’ingenuità che lascia senza parole. Prova a riscattarsi con qualche spunto, ma la prestazione in generale è decisamente sotto la media. Dal 65’ Cristante 6 – Entra dopo mesi e si fa trovare subito pronto. Rida solidità e sicurezza al centrocampo e sembra trovare subito una buona intesa con Diawara. Un grande ritorno.

Zaniolo 6 – Unica luce in campo nel primo tempo, non prende un voto più alto solo perché non ha il tempo di giocare. Prima dell’infortunio, sembra essere l’unico giallorosso a ricordarsi ancora come si gioca a pallone. Da manuale l’azione che porta, purtroppo, al grave infortunio e che da sola varrebbe un 7,5. Una perdita pesante per la Roma. In bocca al lupo campione. Dal 36’ Under 5,5 – Un primo tempo che fa veramente rimpiangere il giocatore cui ci aveva abituati lo scorso anno. Fatica a trovare la strada e il mordente necessario a lasciare il segno. Cresce nella ripresa, ma la strada è ancora lunga.

Pellegrini 5,5 – Lontanissimo dal grande giocatore qual è, non risulta mai incisivo, sbaglia moltissimo e non riesce mai a impostare il gioco. Le grandi giocate e gli assist con cui ci aveva deliziato a inizio campionato e al rientro dall’infortunio, sembrano solo un vago ricordo. Sbaglia un gol fatto nella ripresa.

Perotti 6,5 – Migliore in campo insieme a Diawara, proprio lui che, a inizio stagione, sembrava destinato a un ruolo marginale. Commette qualche ingenuità nel primo tempo e pecca di egoismo al 21’ ignorando Kolarov, ma nella ripresa cala le sue carte e lo fa con grande stile. Impeccabile come sempre sul rigore. Dal 82’ Kalinic SV - Entra e si procura subito un giallo, discutibile, per un fallo su Bonucci.

Dzeko 5,5 – Un secondo tempo in piena ripresa e con buoni spunti non è sufficiente a cancellare un primo tempo completamente da dimenticare e da totale spettatore. Ancora una volta, si è capito che la squadra ruota intorno a lui e se lui non ritrova la sua verve e il gol, per i giallorossi diventa veramente difficile vincere.

All. Fonseca 5,5 – A differenza della gara contro il Torino, stavolta non sbaglia le sostituzioni, ma, anche stavolta, non riesce a dare alla squadra quella mentalità aggressiva che lo contraddistingue. Lo stop di Zaniolo è un’altra tegola con cui dovrà fare i conti, speriamo ci sorprenda anche stavolta.

Alessia Graffi

 

© Riproduzione riservata