Napoli, Per Qualificarsi Serve Almeno Un Pari Con La Real Sociedad

Napoli, Per Qualificarsi Serve Almeno Un Pari Con La Real Sociedad

Per accedere ai sedicesimi di finale di Europa League è necessario uscire imbattuti dal conclusivo confronto casalingo coi baschi

stampa articolo Scarica pdf

Il pareggio (1-1) strappato sul campo dell'AZ Alkmaar consente al Napoli di fare un altro passo verso i sedicesimi di finale di Europa League: per superare il turno, infatti, ai partenopei basterà non perdere il conclusivo incontro casalingo coi baschi della Real Sociedad di San Sebastiano, inaspettatamente bloccati sul 2-2 a domicilio dai già eliminati quarnerini del Fiume.

La classifica del raggruppamento F vede, quindi, il Napoli in vetta con 10 punti, a +2 sulla coppia formata da Real Sociedad e AZ Alkmaar, col Fiume fermo a 1: l'ultima giornata propone le sfide Napoli-Real Sociedad e Fiume-AZ Alkmaar, entrambe in programma giovedì 10 dicembre alle ore 18:55.

Per passare il turno, al Napoli basterà un pareggio coi baschi: in caso di successo dell'AZ a Fiume, il pari farebbe "scivolare" i partenopei in seconda posizione (per via degli scontri diretti sfavorevoli nei confronti degli olandesi, vittoriosi per 1-0 all'andata in Campania e poi fermati sull'1-1 al ritorno ad Alkmaar), mentre un pareggio tra AZ e quarnerini darebbe il primo posto agli uomini di Rino Gattuso.

Il Napoli chiuderebbe, ovviamente, al primo posto in caso di successo sui baschi, mentre una sconfitta lo costringerebbe a "confidare" nel Fiume: infatti, una contemporanea non vittoria (pareggio o sconfitta) dell'AZ coi fiumani darebbe comunque la qualificazione ai napoletani, seppur mediante il secondo posto (poiché in vetta s'isserebbe la Real Sociedad).

Il Napoli, quindi, "vede" il passaggio del turno, ma deve assolutamente evitare d'incappare nell'errore di sottovalutare la compagine basca, battuta per 1-0 all'andata in Euskadi ma attuale capolista del campionato spagnolo, a +1 sull'Atletico Madrid (che, tuttavia, deve recuperare due incontri).

Giuseppe Livraghi

© Riproduzione riservata