SPEZIA LAZIO 1-2

IMMOBILE E MILINKOVIC PER UNA LAZIO CINICA E SPIETATA.

stampa articolo Scarica pdf

Lazio cinica, spietata. Se non fosse stato per una distrazione a metà del secondo tempo sarebbe stata la partita perfetta aspettando la Champions. Milinkovic in versione extra, assist a Immobile e gol su punizione, Ciro continua a segnare con una facilità estrema, la Lazio porta a casa i tre punti con il minino sforzo, senza infortuni ne cartellini pericolosi. Quando ci sono le partite europee bisogna giocare cosi, cinicamente senza cercare ne fronzoli ne paillettes, il risultato è l’unica cosa che conta. Raccontare di uno Spezia aggressivo, propositivo e ben allenato va bene, ma la Lazio voleva i tre punti per trovare la tranquillità per preparare la partita di Champions. Serviva il risultato per accorciare la classifica, è arrivato senza rubare nulla, il bel gioco può aspettare, i grandi giocatori servono anche per questo. Reina in porta è una garanzia, Simone Inzaghi ha trovato un altro leader in campo dopo Leiva, Milinkovic, Luis Alberto e Immobile.

cronaca

Inzaghi sceglie ancora Reina in porta, Luiz Felipe, Acerbi e Radu nei tre di difesa, Lazzari e Marusic sulle fasce, Luis Alberto, Milinkovic e Leiva a centrocampo, Immobile e Pereira in attacco. Italiano con Nzola e Farias in attacco. Lazio in verde, Spezia in bianconero.

Lazio imbrigliata nei primi minuti da uno Spezia molto reattivo, è di Reina la prima parata importante, Estevez al 3’ lo impegna da fuori area con palla deviata sul palo. Si vede Immobile al 13’ di testa ma palla abbondantemente alta. Il napoletano si rifà due minuti dopo, su palla rubata da Milinkovic in mediana e lanciata nello spazio Immobile realizza l’uno a zero facendo passare il pallone in mezzo alle gambe di Prevedel in uscita. Al 24’ sfortuna Spezia, grande azione di Farias sulla sinistra, palla per Bastoni e palo interno della porta di Reina. Al 32’ punizione dal limite per la Lazio per atterramento di Immobile, calcia Milinkovic Savic in maniera eccellente e Lazio avanti 2 a 0. Al 44’ Nzola ha tra i piedi una palla buona dentro l’area ma non trova la porta. Chiffi fischia la fine del primo tempo, Lazio meritatamente in vantaggio ma lo Spezia che avrebbe meritato di più.

Secondo tempo con il solo cambio dello Spezia, Marchizza per Bastoni. Farias, migliore in campo nel primo tempo, continua a stupire, riesce al 51’ a dribblare anche Reina ma salva tutto Radu. Dentro Akpa Akpro e Caicedo per Immobile e Luis Alberto. Al 63’ gol dello Spezia, Nzola sulla destra aggancia la palla al limite d’area e una volta dentro batte Reina con un tiro a giro sul secondo palo. Escalante e Parolo per Milinkovic e Leiva, annullato al 74’ gol a Caicedo per fuorigioco. Al 85’ Agudelo sfugge a Marusic ma il suo crosso basso è preda di Reina. Pressione forte dello Spezia nei minuti finali ma è la Lazio a cercare di chiudere la partita con Pereira, purtroppo per lui e per la Lazio il suo gol è annullato per fuori gioco dal var. Fischia la fine Chiffi con il punteggio di Spezia 1 e Lazio 2.

Ora sotto di nuovo con la Champions League, martedì il dentro o fuori con il Brugge, pareggio e vittoria darebbero gli ottavi alla Lazio ma la Champions non è mai scontata. Ci vorrà la Lazio migliore con i suoi migliori sugli scudi, Milinkovic e Immobile sono sembrati pronti, altri, tipo Luis Alberto e Correa dovranno esserlo per al gioia di Simone Inzaghi e di tutti i laziali.

GIUSEPE CALVANO

Foto Emanuele Gambino

© Riproduzione riservata