LA JUVENTUS DEI GIOVANI REGALA LA SEMIFINALE DI COPPA A PIRLO

LA JUVENTUS DEI GIOVANI REGALA LA SEMIFINALE DI COPPA A PIRLO

Una buona Juve, dopo i successi in campionato e supercoppa, regola la Spal senza difficoltà e, con un secco 4-0 firmato da Morata, Frabotta, Kulusevski e Chiesa, approda alle semifinali di Coppa Italia.

stampa articolo Scarica pdf

Pirlo lascia a riposo Bentancur e Ronaldo, che si concede una meritata vacanza sulla neve con Giorgina, ma i bianconeri mostrano da subito il giusto atteggiamento e l'importanza di poter attingere da un serbatoio valido come quello della seconda squadra. Dopo l’inserimento di Frabotta, che ormai non è più una novità, Pirlo dà spazio anche a Dragusin, Fagioli, Di Pardo e Da Graca e ottiene ottime risposte sia da loro che dal resto del gruppo che li integra con serenità.

Che sia una serata importante per Frabotta lo si capisce fin dai primi minuti, quando piazza la prima conclusione dell'incontro, con un diagonale potente fuori misura. La Juve è aggressiva e tiene i ritmi alti. Dopo un tentativo di Morata dal limite, Rabiot si fa tutto il campo palla al piede e viene steso in area da Vicari. Il signor Pezzuto concede il rigore dopo essere ricorso al VAR e Morata infila nell'angolino. 1 a 0!

I bianconeri sono in pieno controllo della gara, Fagioli fa il piccolo Pirlo al cenro del campo, si propone per il passaggio e smista palla con lucidità, Kulusevski si muove bene davanti e impegna ancora Berisha con un destro rasoterra. Quindi è Ramsey, unico sottotono tra i bianconeri, a colpire l'esterno della rete da buona posizione. Il pressing alto funziona, i bianconeri occupano stabilmente la metà campo degli ospiti e alla mezz'ora raddoppiano con Frabotta, che arriva come un treno sul pallone messo al centro da Kulusevski lasciato saggiamente da Fagioli che vede arrivare il compagno che spara in rete una saetta di sinistro, leggermente deviata da Esposito, ma comunque imparabile. 2 a 0! Si va al riposo con il doppio vantaggio bianconero. 2

La ripresa si apre con il giovane Di Pardo al posto di Bernardeschi toccato duro nel primo tempo, con un sinistro di Kulusevski da posizione angolata e con u tiro cross di Frabotta che sibila rapido davanti alla porta ma non trova compagni pronti alla deviazione nell'area piccola.

La Juve sembra ancora più aggressiva rispetto al primo tempo e Kulusevski ci prova altre due volte, trovando sempre Berisha sulla traiettoria. Pirlo cambia Frabotta e Morata con Alex Sandro che rientra dopo la positività al covid, e Chiesa. Buffon viene chiamato in causa per la prima volta a metà ripresa, per bloccare il tentativo di Valoti.

La Spal cerca di tenere la Juve lontana dalla propria area alzando il pressing, ma i bianconeri sono ancora pericolosi con il sinistro di Rabiot, fuori di poco, e chiudono i conti quando Chiesa approfitta dell'incertezza di Tomovic per recuperare palla sulla tre quarti e servirla a Kulusevki, che da centro area infila Berisha. 3 a 0!  C'è ancora il tempo per vedere un bellissimo tiro a giro di Chiesa, la scenografica girata di Da Graca, in campo al posto di Morata, e la rete dell'ex viola, che praticamente entra in porta con il pallone e sigilla il 4-0 con cui la Juve vola in semifinale, per la doppia sfida con l'Inter.

Migliore in campo Kulusevski ma bene tutti i giovani con Frabotta e Fagioli su tutti.

© Riproduzione riservata