I Top E I Flop Di Torino-Sassuolo 3-2 Recupero Ventiquattresima Giornata Serie A 2020-'21

I Top E I Flop Di Torino-Sassuolo 3-2 Recupero Ventiquattresima Giornata Serie A 2020-'21

Prestazioni eccellenti di Zaza, Mandragora e Sanabria. Bene anche Sirigu, altra prova deludente di Izzo

stampa articolo Scarica pdf

Il Torino conquista tre punti di platino risalendo dallo 0-2 nell'ultimo quarto d'ora. Prestazioni eccellenti di Zaza, Mandragora e Sanabria. Bene anche Sirigu, altra prova deludente di Izzo.

--->I TOP

SIMONE ZAZA 8: gli basta un quarto d'ora per riscattare tante prestazioni negative. Entrato al 72' al posto di Rincon, dopo cinque minuti realizza la marcatura che riapre l'incontro, per poi ripetersi al 92', "comparendo" dinanzi a Consigli per insaccare di testa la rete del trionfo. Ora bisogna continuare così.

ROLANDO MANDRAGORA 7: altra prova convincente del numero 38 granata. Dopo due tentativi respinti da Consigli, trova il goal del pareggio all'86' facendosi trovare pronto a depositare in rete una respinta del portiere nero-verde su una conclusione di Gojak deviata da Obiang. Gara tutta grinta.

ANTONIO SANABRIA 6,5: continua il momento magico dell'attaccante paraguaiano. Stavolta, diversamente dalle precedenti due uscite, non va a segno, pur sfiorando la rete al 17', quando una sua inzuccata trova l'opposizione dell'attento Consigli. Si "consola" fornendo (sempre di testa) l'assist per la prima rete di Zaza.

SALVATORE SIRIGU 6,5: ha qualche responsabilità sulla seconda rete di Berardi, ma si riscatta alzando (con una mano!) oltre la traversa un secco destro di Obiang, esattamente un minuto dopo il 2-2. Una parata del miglior "Salvatore di nome e di fatto", che evita la beffa: poco dopo, Zaza sigla il definitivo 3-2. La prodezza del portiere sardo vale quanto un goal.

--->I FLOP

ARMANDO IZZO 5,5: altra prestazione deludente. Sfiora il goal con un colpo di testa ribattuto da Ferrari sulla linea di porta, ma per il resto è troppo impreciso e titubante.

Giuseppe Livraghi

Fonte della fotografia: Emanuele Gambino (Unfolding Roma Magazine)

© Riproduzione riservata