Torino, Resta L'incognita Relativa Al Rinnovo Di Belotti

Torino, Resta L'incognita Relativa Al Rinnovo Di Belotti

Rinnovo o meno, il "Gallo" resterà comunque nella storia del sodalizio granata

stampa articolo Scarica pdf

La stagione 2020-'21 del Torino è andata in archivio con una salvezza sofferta ma meritata, che senza esagerazione può essere ritenuta un piccolo capolavoro del tecnico Davide Nicola (subentrato a Marco Giampaolo il 19 gennaio 2021).

Ora, quasi come ogni estate, ha inizio il solito quesito relativo al rinnovo o meno di Andrea Belotti, al quale sarebbe interessata l'ambiziosa Roma di José Mourinho: ormai 27enne (compirà 28 anni il prossimo 20 dicembre) e con un contratto che scadrà nel 2022, il capitano granata potrebbe cedere alla tentazione di provare a vincere qualcosa (o, quantomeno, disputare le Coppe Europee) lontano da Torino.

Giunto al Toro nell'estate 2015, "il Gallo" è, infatti, ancora a secco di partite in fasi finali delle competizioni europee per società, in quanto le sue uniche presenze (6, "condite" da altrettante reti) sono relative ai turni preliminari dell'Europa League 2019-'20, disputate in casacca granata.

La Roma, oltre a essere una presenza fissa (o quasi) delle Coppe Europee, nell'annata 2021-'22 molto probabilmente lotterà per la qualificazione alla Champions League, inoltre sarà impegnata (con discrete possibilità di successo) in Conference League, vale a dire la neonata terza competizione continentale, alla quale parteciperanno compagini assolutamente alla portata dei giallorossi.

Ad ogni modo, Andrea Belotti resterà comunque nella storia del sodalizio granata: non solo per le tante reti realizzate, ma soprattutto per il suo attaccamento alla maglia e per il suo spirito di sacrificio.

In poche parole, per essere un vero "Cuore Toro", che merita di conseguire altrove i successi che finora non ha raggiunto militando nella compagine piemontese.

Nelle sei annate al Torino, "il Gallo" è sempre andato in doppia cifra (realizzando, nell'ordine, 12, 26, 10, 15, 16 e 13 reti): in 210 presenze in campionato, le reti sono state 92, con una media di 0,44 a partita e con l'apice raggiunto nel 2016-'17, quando in 35 presenze siglò ben 26 goal (pari a una media di 0,74).

Cifre alle quali vanno aggiunti i 7 centri realizzati in 12 partite di Coppa Italia e i già citati 6 in altrettanti incontri dei preliminari di Europa League, per un ammontare di 105 marcature in 228 incontri (media di 0,46).

Giuseppe Livraghi

Fonte della fotografia: Emanuele Gambino (Unfolding Roma Magazine)


© Riproduzione riservata