I Punti Per Il Rilancio Del Gioco Terreste Illustrati In Un Documento Di Snaitech

I Punti Per Il Rilancio Del Gioco Terreste Illustrati In Un Documento Di Snaitech

Sono tanti i cambiamenti che tutti i settori hanno dovuto affrontare a seguito dello scoppio della pandemia

stampa articolo Scarica pdf

Sono tanti i cambiamenti che tutti i settori hanno dovuto affrontare a seguito dello scoppio della pandemia, che porterà comunque con sé alcune conseguenze. Oggi con l’introduzione delle zone bianche molti settori sperano: tra questi si pensi al mondo delle discoteche e del gioco d’azzardo fisico, i cui trend sono in ripresa. Ma qualcosa è cambiato e stavolta è un per sempre. Il mondo del gioco è indicativo in questo senso: oggi quasi tutto è online, e a questo aspetto si stanno rivolgendo le nuove regolamentazioni e sgravi fiscali. 


L’intera filiera ha bisogno di una mano dal governo, che dovrà ponderare nuove decisioni, in alcuni casi decisive. I punti all’ordine del giorno sono vari: gli interventi per il riordino dell’offerta dei servizi di gioco terrestre resta la missione prioritaria. Le proposte in merito sono già arrivate all’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli da parte di Snai, tra i principali operatori del territorio italiano e punto di riferimento dell’universo delle slot machine online. Tra i segmenti da proteggere c’è anche questo.

Che nel periodo pandemico ha preso definitivamente il volo, impostandosi come vero motore, nonché ancora di salvezza, per il mondo del gambling. I punti da affrontare, parallelamente alle riaperture, sono vari. Si va dalle prime migliorie circa la lotta al gioco illegale e allo sviluppo di dipendenze, due temi centrali non solo per Snai ma per tutta la filiera legale, penalizzata dallo scoppio del mercato nero del gioco.

Snaitech ha elaborato un report, “il contrasto all’illegale”, in cui ha evidenziato come sia necessario un aumento dei controlli sul territorio, anche programmando un adeguamento tecnologico degli apparecchi. Snai ha allegato una raccomandazione: mantenere ben saldi gli attuali canali di modo che agiscano da diga contro l’offerta illegale. Ma tra i punti da affrontare anche la lotta al gioco minorile e allo sviluppo di dipendenze, dove è opportuno inserire regolamentazione più chiara su età e controllo dei comportamenti.

In questo le ultime tecnologie possono venire in soccorso ed anzi l’obiettivo è proprio questo: implementare le tecnologie già adottate nelle slot machine online ed applicarle al gioco terrestre. Altro punto caldo: la diversificazione dell’offerta di gioco fisico. L’obiettivo primario resta quello di trasformare i punti di gioco in Gaming Halls, dove si possano trovare tipi di gioco differenti tra di loro ma complementari: sarebbe il primo passo verso un ampliamento dell’offerta netto e deciso.

Per finire nel documento SNAI anche luci su un settore da recuperare, quello dell’ippica. Crisi nera per il settore, motivata anche dalle difficoltà nel reperimento autonomo di risorse a sostegno della filiera. Coinciso, peraltro, con la crisi del settore betting. Tra le migliorie da apportare in merito quella maggiormente degna di nota è l’equiparazione del prelievo erariale tra le scommesse ippiche e quelle sportive a quota fissa.

Stefano Cigana


© Riproduzione riservata