ROMA FELIX EST

I Giallorossi battono il Genoa 2-0 grazie al giovane attaccante di origini ganesi Felix Afena Gyan che , subentrato nel finale , mette a segno una doppietta da antologia

stampa articolo Scarica pdf

Ci sono volute le prodezze nel finale di questo diciottenne della primavera per sbloccare il risultato in quel di Marassi per la Roma . Due gol in poco piu’ di un quarto d’ ora che hanno regalato la vittoria e la speranza di aver trovato un gioiello in casa da parte dell' ambiente giallorosso .

I capitolini , infatti , dominano la partita sin dalle prime battute (possesso palla sopra il 70 %) ma faticano a trovare la via del gol , creando tanto e sprecando ancor di piu’ , soprattutto con Shomurodov, apparso timido e mentalmente scarico ed anche con uno sfortunato Mikhitaryan , quest’ ultimo migliore in campo , autore del goal del primo tempo annullato per un inspiegabile tocco di mano dell’ impalpabile Abraham (cosa sta succedendo a questo giocatore ?) .

Due gol del giovane talento della primavera che hanno regalato la vittoria alla Roma , dicevamo : Felix Afena-Gyan , nome "latino" che richiama antiche glorie imperiali (la legione Flavia Felix Fortunata fondata da Vespasiano nel 70 d.c.) ha vissuto a Genova una vera e propria favola, con la consacrazione del suo talento ed i complimenti dello Special One Mourinho.

Entrato al 75' del match , ha letteramente spaccato la partita , complice la stanchezza della retroguardia genoana , realizzando la doppietta che ha regalato tre punti fondamentali (quinto posto in solitaria a 3 punti dall' Atalanta con alle spalle Lazio - Juventus e Fiorentina) .

Felix entra e la Roma trova i tre punti , insomma. Merito del ragazzo , indubbiamente , ma anche del grande lavoro fatto da Mourinho su di lui in queste settimane , anche durante la sosta per la chiamata delle nazionali , volutamente rifiutata da Felix per concentrarsi su se stesso e sul suo club .

Ma da dove viene questo "oggetto misterioso" ?

Il suo debutto in prima squadra è arrivato nella gara contro il Cagliari dopo l'esclusione delle deludenti riserve di Bodo. Mourinho , dopo la pessima prestazione con annessa umiliazione in Norvegia , decide di non convocare Borja Mayoral contro il Napoli prima ed il Cagliari dopo, chiamando Felix al suo posto. Due buoni spezzoni di gara contro Cagliari e Milan, nei quali gia’ si intravedevano le potenzialita’ e la cattiveria .

Afena-Gyan è peraltro davvero un bravo ragazzo , molto ben voluto all' interno di Trigoria per i suoi modi e per la sua umilta' dentro e fuori dal campo ("Non e' scontato , oggi come oggi i giovani calciatori sono molto presuntuosi" dice Mourinho nel post gara) e per la maturità che sta dimostrando nonostante la giovane età , maturita’ formatasi in anni non facili per lui .

Il diciottenne ghanese, infatti, non ha vissuto un'infanzia facile, come tanti ragazzi africani della sua generazione , ma grazie al calcio e ai sacrifici della famiglia , è riuscito a coronare il suo sogno di arrivare a giocare in Italia da professionista

Felix ha iniziato a giocare nella squadra della sua scuola, capitano fino alle selezioni regionali, quando arriva la svolta con la segnalazione all'Eur Africa Academy, importante accademia di talent scout del suo paese.

E proprio nell'Eur Africa Academy viene notato dal procuratore Olivier Arthur che lo fa subito volare in direzione Italia , segnalandolo prima a vari club della massima serie con in testa la Roma .

Subito il provino per lui per diventare , in pochissimo tempo , un punto fermo della primavera di De Rossi, ed ora , chissa’ , per la Roma di Mourinho che gli ha gia' promesso “delle scarpe da 800 euro” come regalo per la prestazione.

Di Cristian Coppotelli

(Foto dal campo by Emanuele Gambino)

© Riproduzione riservata