Inter-Hellas Verona 2-0 Trentaduesima Giornata Serie A 2021-'22

Inter-Hellas Verona 2-0 Trentaduesima Giornata Serie A 2021-'22

L’INTER TORNA A CORRERE, CON IL VERONA È UNA VITTORIA PESANTISSIMA

stampa articolo Scarica pdf

L’impegno con il Verona era, sulla carta, uno degli ostacoli più difficili da superare per l’Inter in queste ultime settimane di campionato. L’approccio alla partita dei nerazzurri è ottimo e la supremazia territoriale mostrata dalla squadra di Inzaghi è evidente fin da subito. Il Verona risulta meno incisivo del solito con Caprari che è l’unico a rendersi pericoloso con un paio di iniziative sugli sviluppi di ripartenza. Dal canto loro i nerazzurri sembrano aver ritrovato almeno parzialmente lo smalto che aveva caratterizzato la prima parte del campionato. Ottime le prestazioni del primo tempo da parte di Skriniar, Perisic e Dumfries. Sul tabellino dei marcatori finiscono prima Barella che conclude con una deviazione sottoporta un’azione corale dei nerazzurri al 22º minuto, e il raddoppio arriva non molti minuti più tardi quando, sugli  sviluppi di un calcio, d’angolo è Edin Dzeko a trovare la deviazione vincente da distanza ravvicinata. Tra un gol e l’altro dei nerazzurri c’è comunque spazio per la migliore occasione della gara per il Verona firmata da Simeone che si trova a tu per tu con Handanovic ma l’attaccante argentino calcia addosso al portiere che comunque si fa trovare pronto. Si chiude dunque con l’Inter in completo controllo della gara il primo tempo, con i nerazzurri che al netto di qualche piccolo errore in fase di impostazione non hanno mai perso il bandolo della matassa e hanno controllato il ritmo della partita dall’inizio alla fine, sviluppando un buon gioco sia con gli esterni che per vie centrali.

La seconda frazione di gioco prende il via sulla stessa falsariga del primo tempo con l’uscita dal campo di De Vrij per infortunio e viene sostituito da D’Ambrosio. L’Inter continua a controllare serenamente lo sviluppo della partita limitando al minimo le iniziative del Verona che, anche complice l’assenza di Barak, non sembra avere la solita intraprendenza. Un cambio di rotta della partita rischia di arrivare come al solito attorno all’ora di gioco quando Inzaghi inizia la solita deleteria girandola di cambi. Come spesso succede infatti, quando i nerazzurri iniziano ad attingere alle risorse sedute in panchina rischiano di complicare lo sviluppo della gara perdendo completamente il controllo del centrocampo. Nella fase finale del secondo tempo il Verona controlla maggiormente il ritmo della partita ma manca della necessaria precisione in fase conclusiva per poter sperare di trovare quell’episodio che riaprirebbe la gara. Un paio di tiri nel finale di Kevin Lasagna non bastano al Verona per rimettere in discussione il risultato e dunque per l’Inter arriva una vittoria preziosissima, che anche in considerazione del calendario teoricamente più abbordabile rispetto a quelli di Napoli e Milan, mette l’Inter in una posizione decisamente interessante per quanto riguarda la lotta scudetto.

Federico Ceste

Fonte della fotografia: Roberto Proietto

© Riproduzione riservata