Amarcord/La Supercoppa Mitropa 1989

Una competizione ideata dal “presidentissimo” pisano Romeo Anconetani

stampa articolo Scarica pdf

La Supercoppa Mitropa disputatasi nel 1989 consiste in uno dei (rari) casi di competizioni “una tantum” fin dalla loro istituzione, vale a dire pensate appositamente per la disputa di un’unica edizione.

Tale kermesse ebbe luogo grazie a un’idea del “presidentissimo” pisano Romeo Anconetani, che propose di contrapporre i sodalizi aggiudicatisi le due precedenti edizioni della Mitropa Cup (Coppa dell’Europa Centrale): il Pisa vittorioso nel 1987-’88 e i cecoslovacchi del Banik Ostrava vincenti nel 1988-’89 (piegando il Bologna nella doppia finale).

Ricevuto il benestare da parte del Comitato organizzatore della Mitropa Cup, si provvide subito all’organizzazione: duplice sfida, con l’andata a Ostrava il 12 aprile 1989 e il ritorno a Pisa il successivo 25 aprile, con il regolamento a quei tempi in vigore nelle Coppe Europee.

Il confronto d’andata nell’allora Cecoslovacchia vide il netto successo dei padroni di casa: un 3-0 (reti di Skarabela al 16’, Kula al 44’ e Necas al 47’) che parve chiudere anzitempo i conti.

Invece, la gara di ritorno all’Arena Garibaldi fece registrare l’orgogliosa reazione di uno scatenato Pisa, che riuscì a recuperare il pesante svantaggio grazie ai guizzi di Francis Severeyns al 4’, Davide Lucarelli al 46’ e Giuseppe Incocciati all’86’, portando il confronto ai tempi supplementari, nei quali, però, una rete dell’ospite Basta al 106’ sancì il 3-1, consegnando il trofeo al Banik.

Un Banik che, dunque, fu, è e resterà in eterno il detentore (per la precisione, l’unico vincitore) della Supercoppa Mitropa.

Giuseppe Livraghi

Fonte della fotografia (Romeo Anconetani): pubblico dominio

© Riproduzione riservata