La Juve Non Brilla Ma Passa A Palermo!

Ai bianconeri basta un autogol di Goldaniga per passare contro un Palermo in grande spolvero.

607
stampa articolo Scarica pdf

Questa sera alle ore 18 al “Renzo Barbera” è andata in scena la 6° giornata di Serie A Tim tra Palermo e Juventus.

I rosanero dopo la vittoria contro l'Atalanta di settimana scorsa sono galvanizzati e vorranno sicuramente da far fastidio a una Juventus che dopo la sconfitta contro l'Inter si è subito ripresa settimana scorsa contro il Cagliari e sembrerebbe essere tornata la macchina perfetta vista a inizio stagione.


Nei primi minuti del primo tempo i ritmi sono subito alti, con Palermo e Juventus che partono subito all'attacco in modo aggressivo, difatti gli ammoniti sono 3 nel giro di 10 minuti, la prima vera occasione la creano gli ospiti con un calcio di punizione di Pjanic da posizione defilata che trova attento sul primo palo Posavec.

Per più di metà tempo non succede nulla di eclatante a livello di occasioni, la Juventus deve però sostituire Rugani infortunatosi durante un intervento difensivo, al suo posto entra Cuadrado. A un quarto d'ora dal termine della prima frazione l'occasione capita agli ospiti con Alex Sandro che di prima prova il tiro a giro sul secondo palo, Posavec respinge e Gonzalez alleggerisce la pressione mandando il pallone in angolo.

L'ultima occasione capita a Aleesami che dal limite dell'area prova a sorprendere Buffon ma il suo tiro è lento e debole e per l'estremo difensore bianconero non ci sono problemi a bloccare il pallone.

Dopo 3' di recupero le squadre vanno a riposo in un primo tempo avaro di emozioni.


Nel secondo tempo dopo solo 3' di gioco i bianconeri passano in vantaggio, Dani Alves dalla distanza scaglia un tiro che Goldaniga in acrobazia devia nella sua porta spiazzando così Posavec sulla traiettoria.

Dopo il gol i ritmi si abbassano notevolmente e al 65' Mandzukic testa i riflessi di Posavec con un tiro al volo, il portiere rosanero si fa trovare pronto e con un grande gesto tecnico devia in angolo. Gli ospiti vogliono blindare il risultato e c'è un'altra occasione per Mandzukic, il giocatore croato si rende pericoloso su assist di Higuain e prova il tiro ma ancora una volta Posavec dice di no.

I padroni di casa però non demordono, continuano ad attaccare e cercano in tutti i modi di trovare il pareggio a dispetto di una Juventus che col passare del tempo sbaglia molto di più perde palla, sbaglia passaggi elementari e non è più aggressiva come all'inizio, lasciando iniziativa al Palermo.

Gli ultimi minuti di partita la Juventus li gioca in 10 poiché si infortuna Asamoah e Allegri aveva già effettuato le 3 sostituzioni a disposizione. La pressione del Palermo non accenna a diminuire ma dopo 4' di recupero finisce la partita con risultato di 0-1.

La Juventus seppur non giocando una grande partita espugna il “Renzo Barbera” e continua a rimanere in testa alla classifica a + 4 sul Napoli, impegnato questa sera contro il Chievo Verona. I padroni di casa dal canto loro hanno giocato una grande partita di sacrificio mettendo in grande difficoltà i bianconeri ma senza concretezza sotto porta, forse con quel qualcosa in più avrebbero potuto strappare un pareggio senza dubbio meritato.

Il tabellino:

Palermo (3-4-2-1): Posavec; Cionek, Gonzalez, Goldaniga; Rispoli, Gazzi, Jajalo (dal 22' s.t. Bruno Henrique), Aleesami; Diamanti, Chochev (dal 35' s.t. Hiljemark); Balogh (dal 14' s.t. Nestorovski). (Marson, Fulignati, Vitiello, Andelkovic, Sallai, Bouy, Pezzella, Lo Faso).

All. De Zerbi.

Juventus (3-5-2): Buffon; Barzagli, Bonucci, Rugani (dal 31' p.t. Cuadrado); Dani Alves (dal 41' s.t. Chiellini), Khedira, Lemina, Pjanic (dal 23' s.t. Asamoah), Alex Sandro; Mandzukic, Higuain. (Neto, Audero, Hernanes, Pjaca, Dybala, Lichtsteiner, Sturaro, Evra).

All. Allegri.

Marcatori: Autogol Goldaniga 49'st

Ammoniti: Bonucci (J), Goldaniga (P), Mandzukic (J), Gonzalez (P), Dani Alves (J), Aleesami (P)

Valerio Mirata

© Riproduzione riservata