Juventus-Torino: 2-0

Decisive le reti di Douglas Costa e Mandzukic. Bianconeri in semifinale di Coppa Italia.

496
stampa articolo Scarica pdf

FORMAZIONI UFFICIALI:

Juventus (4-3-2-1): Szczesny; Sturaro, Rugani, Chiellini, Asamoah; Marchisio, Pjanic, Matuidi; Dybala, Douglas Costa; Mandzukic.

Torino (4-3-3): Milinkovic-Savic; De Silvestri, Nkoulou, Burdisso, Molinaro; Acquah, Rincon, Baselli; Falque, Niang, Berenguer.

LA PARTITA: 

La prima occasione importante per i bianconeri arriva al quinto minuto sugli sviluppi di una combinazione tra Dybala e Matuidi che consentono a Pjanic di poter colpire dal limite dell’area di rigore, ma la conclusione risulta troppo centrale e non impensierisce Milinkovic- Savic.  La risposta del Torino arriva invece al 10º minuto con lo spagnolo Berenguer che ha la possibilità di presentarsi a tu per tu con il portiere avversario a seguito di un errore di posizione della retroguardia bianconera, ma il fantasista granata calcia malissimo e vanifica quest’opportunità. Entrambe le squadre propongono un calcio offensivo ed estremamente piacevole ma al quarto d’ora è la Juventus a passare in vantaggio con una conclusione di pregevolissima frattura da parte di Douglas Costa, che è bravissimo a coordinarsi e calciare al volo dal limite dell’area. La partita si accende e pochi secondi più tardi i bianconeri sfiorano anche il raddoppio con una conclusione di Dybala che risulta però impreciso. Non tarda ad arrivare nemmeno in questo caso però la risposta granata con Niang, che si lancia in un’azione solitaria di contropiede e calcia verso la porta ma la conclusione dell’esterno francese si infrange sul palo a portiere ormai battuto. Al 28º la Juve si rende nuovamente pericolosa con una combinazione tra Douglas Costa e Dybala che consente all’attaccante argentino di colpire da posizione favorevole ma il tiro viene neutralizzato dalla retroguardia degli uomini di Mihajlovic. Nei minuti finali del primo tempo i ritmi si abbassano ed i bianconeri cercano di controllare il gioco attraverso una lunga fase di possesso palla che continua sostanzialmente fino al fischio finale del primo tempo.

Nella seconda frazione di gioco entrambe le squadre riescono a produrre pochissime occasioni degne di nota, con il Torino dispendio di energie dilapidato nella prima frazione nel tentativo di recuperare il possesso palla durante i lunghi scambi tra i giocatori bianconeri.  La Juventus dal canto suo sembra accontentarsi del vantaggio minimo e si rende pericolosa soltanto in un paio di occasioni con Mario Mandzukic che però conclude in entrambe le circostanze in modo innocuo per la retroguardia del Torino. Tocca proprio all’attaccante croato raddoppiare il vantaggio bianconero approfittando di un bel passaggio in verticale da parte di Dybala che libera l’ex attaccante dell’Atletico Madrid al tiro da posizione favorevole. Grandi proteste da parte dei granata per un possibile fallo ad inizio azione da parte di Khedira su Acquah, ma l’arbitro dopo aver consultato la VAR decide di convalidare la rete ed espelle Sinisa Mihajlovic furioso per le proteste. Con il raddoppio si chiude ogni discorso relativo alla qualificazione ed aumenta il nervosismo tra i giocatori granata; la partita giunge al termine senza ulteriori occasioni particolarmente significative. La Juventus avanza nel tabellone della Coppa Italia ed affronterà l’Atalanta che ieri sera ha battuto il Napoli.

Federico Ceste 


© Riproduzione riservata