[Juventus - Lazio] - Il Migliore In Campo Dei Bianconeri

[Juventus - Lazio] - Il Migliore In Campo Dei Bianconeri

Dalla Croazia a Torino il guerriero che non molla mai!

525
stampa articolo Scarica pdf

Oggi analizziamo la partita di Mario Mandzukic: il guerriero bianconero che non si tira mai indietro quando si tratta di combattere.

L’attaccante croato, reduce da un ottimo mondiale con la sua nazionale coronato dal secondo posto, si era aggiudicato il posto da titolare per la sfida contro i biancocelesti al fianco di Cristiano Ronaldo, a scapito di Dybala.

La squadra di Allegri, dopo un avvio non dei migliori, si trovava vicina al gol del vantaggio con Khedira, che da due passi centrava il palo. Sul proseguo dell’azione Bernardeschi, decisivo nella prima partita, impegnava Strakosha che ha dovuto concedere un tiro d’angolo.

La Juventus riusciva poi a passare in vantaggio con una azione partita ancora dai piedi di Bernardeschi, che pescava in area proprio Mandzukic; la sponda del croato veniva però ribattuta fuori area dove c’era appostato Pjanic, che di prima intenzione infilava la porta laziale non lasciando scampo di ribattuta.

Nel secondo tempo era sempre la Juventus a fare la partita e le poche occasioni biancocelesti derivavano da disattenzioni della retroguardia bianconera. Il guerriero croato, dopo aver lottato e sudato tutta la partita sapendo di poter dare il proprio contributo per portare la sua squadra alla vittoria, riceveva il premio migliore per un attaccante: il gol!

Tutto nasceva da un’azione sulla fascia destra orchestrata da Douglas Costa che lanciava in profondità Cancelo, il quale metteva un cross teso rasoterra che veniva in un primo momento respinto da Strakosha sull'involontario tacco di Ronaldo e poi finiva in rete con una volee proprio di Mandzukic.

La partita da guerriero di Mandzukic iniziava proprio dopo il gol. L’attaccante croato, dopo aver subito un colpo, ha dovuto stringere i denti ed è rimasto in campo ad aiutare la propria squadra. Nonostante l’evidente acciacco non ha mai smesso di lottare su un pallone, non ha mai tirato indietro la gamba ed ha sempre rincorso l’avversario. In questa partita ha dimostrato alla perfezione qual è il vero significato di sacrificarsi per la maglia e dimostrare a tutti lo spirito della Juventus.

Voto 7: I riflettori sono tutti puntati su Ronaldo, ma lui li sposta dalla sua parte mettendoci lo zampino sul primo gol e siglando la rete della sicurezza, il tutto sempre con la solita grinta e il solito sacrificio.

Instancabile.

Valerio Mirata

© Riproduzione riservata