Juventus 1 Manchester United 2

I bianconeri dominano ma si fanno superare.

52
0
stampa articolo Scarica pdf

Gli uomini di Allegri ospitano i Red Devils nella prima giornata di ritorno della fase a gironi. Con i 3 punti potrebbero chiudere con due giornate di anticipo il discorso qualificazione e primo posto nel girone.

Durante i primi 25 minuti di gioco le due squadre non si sono fatte particolarmente male, più iniziativa da parte dei bianconeri che sono riusciti ad andare al tiro, senza grosse occasioni, con più frequenza rispetto ad uno United più attendista che ha preferito aspettare la Juventus nella propria metà campo per poi provare a ripartire in contropiede con il trio di velocisti Sánchez, Martial e Lingard.

La prima vera occasione da gol la crea la Juventus intorno al 35’; tutto nasce da un uno due tra De Sciglio e Ronaldo che porta quest'ultimo al cross dove al centro si trovava Khedira che di prima intenzione calcia verso il secondo palo, la palla però esce dopo aver baciato la base del palo con De Gea ormai fuori causa.

Verso la fine della prima frazione le due squadre riescono a concludere verso la porta avversaria ,il tiro di Khedira viene bloccato in due tempi dal portiere spagnolo mentre quello di Pogba arriva senza forza tra le braccia di Szczesny che non deve fare altro che bloccarlo,il primo tempo regolamentare si conclude con un'ultima occasione per i bianconeri che si rendono pericolosi direttamente da calcio d'angolo ma la difesa di Mourinho riesce a liberare mantenendo il risultato in parità.

Il secondo tempo inizia subito con una grossa occasione per la vecchia signora che sfortunatamente colpisce un altro legno, questa volta è Dybala che da appena dentro l'area centra in pieno la traversa con De Gea ancora una volta fermo sul posto.

La Juventus trova il gol del meritato vantaggio con CR7 che realizza il suo primo gol in Champions con la maglia bianconera. Il gol nasce dai piedi di Bonucci, il difensore italiano sfodera un gran lancio preciso nello spazio sul quale si avventa Cristiano Ronaldo che di prima intenzione fulmina l'estremo difensore del Manchester non dando nemmeno il tempo di provare ad opporsi data la violenza e la potenza della conclusione.

Sull'orlo dell'entusiasmo e anche perché il Manchester ha subito il colpo del gol, la Juventus si divora il gol del raddoppio, bello l'uno due tra Cuadrado e Ronaldo, il portoghese offre al colombiano la palla del 2 a 0, l'esterno bianconero da due passi spara alto una palla che era più facile trasformare in gol che sbagliare.

La squadra di Mourinho sfrutta l'unica vera occasione della sua partita per pareggiare; i Red Devils guadagnano un calcio di punizione dal limite dell'area, Mata si incarica della battuta e con una grande conclusione insacca all'incrocio dei pali il pallone del pareggio.

Il pareggio cambia l'inerzia della partita e su un'altra palla inattiva la Juventus subisce il secondo gol; il pallone calciato nel mezzo viene smanacciato da Szczesny ma carambola sulla testa di Alex Sandro e finisce in rete.

La vecchia signora nel finale si spinge in avanti alla ricerca del pareggio concedendo inevitabilmente spazio al contropiede inglese, ed è solo grazie a un grande intervento del portiere polacco che il risultato non sia ancora più ampio.

La squadra di Allegri domina per 80’ e poi si fa raggiungere e superare dalla squadra di Mourinho complici due palle inattive gettando via un a qualificazione praticamente in tasca. Adesso i bianconeri dovranno mantenere un'elevata concentrazione sia in campionato sia in Champions per poter chiudere al più presto il discorso qualificazione e concentrarsi per tenere a distanza le inseguitrici per lo Scudetto.

Fonte foto: Gazzettadellosport

Valerio Mirata

© Riproduzione riservata