UNA BUONA SAMP Non Arresta La Corsa Della Juve

Cristiano Ronaldo trascinatore di una Juve che gira a 53 punti, record storico della serie A.UN ARBITRAGGIO DISCUTIBILE NON ARRESTANO LA CORSA DELLA JUVE DEI RECORD

stampa articolo Scarica pdf

Una partita strana, ampiamente dominata da una Juve sempre più ad immagine di CR7, riaperta da un cervellotico rigore assegnato da Valeri dopo che il gioco era ampiamente ripreso e senza che nessuno si fosse accorto di nulla. Errore grave quello di assegnare un penalty così dubbio- poi realizzato magistralmente da un ottimo Quagliarella, in goal per la nona partita consecutiva - che ha di fatto riaperto una partita chiusa. Partita che non erano riusciti a riaprire i buoni fondamentali della squadra di Giampaolo che gioca, comunque, un ottimo calcio, occupando bene gli spazi e con un ottima fase offensiva, veloce e tatticamente efficace. Valeri compensa poi, con un secondo errore, il primo, concedendo un altrettanto inesistente rigore alla Juve, trasformato con un tiro al centro dei pali da CR7 ma invece di riequilibrare il match, tiene tutti scontenti. Ineccepibile, invece, l’annullamento del bellissimo goal di Saponara, già autore di una simile prodezza nei minuti di recupero nel match con la Lazio. Vittoria giusta, alla fine e record di punti nel girone d’andata.

TOP JUVE

Cristiano Ronaldo

Basta la sua presenza in campo per far pendere la bilancia degli equilibri del match dalla parte bianconera. Segna in apertura su splendido assist di Dybala, impegna Audero per tutto il match, coglie una traversa, realizza il pesante rigore del secondo vantaggio. Si prende la squadra sulle spalle. Trascinatore.

Paulo Dybala

Non segnerà più come nelle precedenti stagioni, abituiamoci. Ma il ruolo che gli ha ritagliato Allegri lo vede protagonista in ogni zona del campo. Lancia, tira verso la porta, si batte a centro campo, recupera fino al limite dell’aria, spesso in coppia con un Mario Mandžukić, stasera appannato. Tuttocampista.

FLOP

Mario Mandžukić

Cristiano Ronaldo parte da sinistra e forse questo lo disturba anche perché, da quella parte, la catena Cr7 Alex Sandro, funziona a dovere. In ritardo su un paio di occasioni che, in altri momenti, avrebbe realizzato. Sottotono.

Emre Can

Dopo l’intervento e il recupero è ancora indietro con la forma che non è certo quella devastante dell’ultimo periodo di Liverpool. Imposta spesso, ma con lentezza, e non consente alla manovra la giusta fluidità. Da rivedere.

di Massimiliano Piccinno

© Riproduzione riservata