Pagelle / Siviglia-Lazio 2-0

Niente impresa: la Lazio spreca troppo e saluta l'Europa League

121
stampa articolo Scarica pdf

STRAKOSHA 5 Sbaglia clamorosamente l'intervento sulla conclusione di Sanabria, regalando di fatto il gol a Ben Yedder. Nulla da fare sul secondo gol.
PATRIC 4 Viene sostituito e invece che affrettare l'uscita dal campo sembra ritardarla, contrariato per il cambio va dritto negli spogliatoi, costringendo Inzaghi e Farris a richiamarlo. In partita sbaglia tanto, e tiene in gioco Ben Yedder in occasione del gol. Non è all'altezza.
48' CORREA 5 Emozionate l'ingresso in campo, i suoi ex tifosi lo applaudono. Per il resto combina troppo poco, da lui ci si aspetta molto di più.
ACERBI 7 Ennesima sontuosa prestazione, è il solito leone in difesa. Fa ogni cosa e gli riesce bene, peccato per quell'occasione, avrebbe potuto cambiare la partita.
RADU 6 Fa il suo nonostante non sia al meglio. Dà sempre tutto quello che ha e non si risparmia nemmeno oggi.
MARUSIC 5 Lascia la Lazio in dieci nel momento decisivo. Severa la decisione dell'arbitro, lui ingenuo ad allungare il braccio.
55' ROMULO 6.5 Uno dei piùin forma, deve giocare titolare. Entra benissimo a partita in corso riuscendo anche a far espellere Vazquez.
BADELJ 6 Non è quello di Marassi, ma prova a dare il suo contributo. Bene in fase difensiva.
77' DURMISI 5 Il raddoppio del Siviglia nasce da una sua disattenzione.
CATALDI 6.5 Prestazione di carattere, sembrava un veterano. Dà l'anima, lotta e contrasta dal primo all'ultimo minuto. Confeziona dei pericolosi cross, peccato che gli attaccanti laziali non riescano ad approfittarne.
LULIC 5 Gli manca sempre il passaggio, l'ultimo guizzo per trasformare i suoi strappi in vere occasioni da gol. Sullo 0-0 sbaglia il gol che poteva cambiare il discorso qualificazione.
CAICEDO 5.5 Dell'attaccante ha ben poco, preferisce mettersi al servizio della squadra. Ad Immobile regala un'ottima palla, per il resto fa a sportellate senza mai trovare un guizzo.
IMMOBILE 5.5 Continua a giocare con il coltello tra i denti, non è al massimo e si vede. Si divora il possibile pari calciando di poco alto un pallonetto che andava spinto in rete.

INZAGHI 6 Nel doppio confronto rimane l'amaro in bocca. Il Siviglia non è sembrato una corazzata e con la formazione al completo i biancocelesti avrebbero potuto giocarsela. 

Fabio Pochesci 


© Riproduzione riservata