NAPOLI DOVE STA LA VERITA'

STAGIONE FALLIMENTARE O VERTICE ASSOLUTO?

297
stampa articolo Scarica pdf

Situazione strana in quel di Napoli, dove i 15 punti di distacco dalla Juventus ne fanno un campionato fallimentare, mentre i 7 di vantaggio sulla seconda ne fanno un campionato di vertice che garantisce enormi introiti dalla prossima Champions League. Tutto sta a capire quali sono stati a inizio stagione gli obiettivi prefissati dalla società chiesti poi al tecnico e alla squadra. Come è successo pochi giorni fa alla Lazio dove Lotito ha dichiarato che la Champions League non è “indispensabile” cosi al Napoli probabilmente non è stato chiesto di vincere lo scudetto, di provarci sì, ma senza essere l’obiettivo fondamentale. Andare più avanti possibile nella Champions, magari arrivare alla finale di Europa League, cercare di non uscire subito dalla Coppa Italia e arrivare tra i primi 4 le uniche cose che contano davvero per De Laurentiis per avere la società Napoli a posto con i conti e arrivare a quel tavolo, dove la Juventus ieri ha tenuto banco insieme alle grandi Big d’Europa, per la creazione di un Super Lega, un nuovo campionato che potrebbe sostituire la vecchia Champions League e al quale parteciperebbero solo le grandi del vecchio continente e il Napoli e il suo Presidente vuole esserci.

Ma i tifosi? Con l’avvento di Ancelotti in molti avevano pensato di poter lottare davvero con la Juventus per il titolo, ma la campagna acquisti cessioni è stata molto esaustiva, siamo forti, ma non fortissimi, non basta aver aggregato a un gruppo che ha fatto ben 91 punti lo scorso anno un allenatore pluridecorato, un vincente, uno che ha conquistato scudetti e coppe campioni, si doveva prendere qualche campione, qualche Di Maria o Cavani qualsiasi, uno che doveva fare la differenza, ma non è stato fatto. Questi campioni hanno ingaggi fuori parametro per una società come il Napoli, e avrebbero rotto probabilmente qualche equilibrio interno, si è andati sul quasi sicuro e alla fine il Presidente sta portando a casa il “suo” risultato, quello desiderato.

Dove sta quindi la verità? Come si deve giudicare la stagione vissuta finora dal Napoli? Come convincere l’ambiente, le vedove di Sarri o ancor prima di Benitez, che il Napoli sta facendo il suo e anche qualcosa in più visto la potenza economica di Milan e soprattutto Inter? Che non sarà mai facile arrivare alla Juventus? Tante domande e poche risposte, alla fine rimane un ottimo campionato che per adesso vede un secondo posto quasi blindato e una Europa League tutta da giocare contro l’Arsenal, una squadra forte, ma non fortissima, una alla portata se affrontata nel modo giusto. E allora perché tante critiche, tanti musi lunghi? Vincere lo scudetto piacerebbe a tutti, ma nel calcio di oggi forse un secondo, terzo o quarto posto conta ancora di più.

Benvenuti nel calcio moderno.

GIUSEPPE CALVANO


© Riproduzione riservata