Ciro Immobile Gol: Il Ritorno Del Bomber, Anche In Azzurro

Ciro Immobile è tornato al gol anche con la Nazionale. In gol contro la Finlandia conferma di aver iniziato la stagione con un feeling speciale con il gol

97
stampa articolo Scarica pdf

Sono passati due anni, in cui è successo di tutto. Ciro Immobile ha segnato e tanto con la Lazio, l'ha trascinata e ne è diventato leader. Gol su gol, pali e sfortuna. In maglia biancoceleste. Poi, come ogni medaglia, ha il suo rovescio. Ciro Immobile ha indossato anche la maglia azzurra, quella della Nazionale, tante volte. Eppure non ha mai segnato.

Era il 2017, l'avversaria era Israele, in panchina c'era Ventura e l'obiettivo era la qualificazione mondiale. Sappiamo tutti com'era andata a finire. Da allora e per due anni Immobile non aveva più segnato in Nazionale. Le occasioni le ha avute, ma non le ha sfruttate, scatenando nella Capitale, sponda Lazio, critiche e considerazioni pesanti sul bomber e sul ct Roberto Mancini. Da "non è all'altezza" a "non lo mandiamo in Nazionale" fino a "si rifiutasse di rispondere alla convocazione" o "Mancini ce l'ha con la Lazio" per il mancato utilizzo del giocatore solo qualche giorno fa contro l'Armenia, quando il Mr gli ha preferito Lasagna.

Senza considerare quanto fosse pesante per Immobile non riuscire a fare il suo in Nazionale. L'aveva sottolineato lui stesso attraverso i social network pubblicando i suoi numeri a dimostrazione che quella maglia se la meritava eccome. Urlando, in silenzio, quanto gli mancasse la rete, che per un vero e proprio bomber è tutto.

C'erano questi due anni di astinenza nell'esultanza di ieri, quasi commossa, dopo aver portato la sua Italia in vantaggio contro la Finlandia con uno dei due gol che portano gli azzurri con molto più di un piede in Euro2020. C'erano anche le (presunte) polemiche all'indirizzo di Mancini. Presunte perchè smentite dal giocatore stesso al termine della partita.
"Era un peso troppo grande per me non segnare con questa maglia - ha spiegato nel dopo partita - sono sempre stato sereno in questi due anni di astinenza. Credo di aver fatto una buona partita insieme ai miei compagni. Dopo la mancata qualificazione al Mondiale, stiamo ripartendo alla grande". E' onesto con se stesso quando risponde a chi lo accusava di non essere decisivo in Nazionale come con la maglia biancoceleste: "Mi pesava il fatto che si cercava sempre di creare un caso intorno a  me. L'anno scorso non ho passato un bel periodo nemmeno con la Lazio, ma adesso mi sto riprendendo. Ho ripreso a segnare in A e con la Nazionale".

D'altra parte Inzaghi ha concesso a Mancini un Immobile che ha iniziato la stagione con una doppietta contro la Sampdoria e, oltre ai pali, con un assist vincente nel derby. E Mancini restituirà ad Inzaghi, e alla Laziol, un Immobile carico, completo, pronto a trascinare la Lazio a partire dalla prossima gara  a Ferrara contro la Spal.

Enrica Di Carlo

© Riproduzione riservata