Giordania

Giordania

Un paese tutto da scoprire tra profumi, deserti e resti romani

408
0
stampa articolo Scarica pdf

Associata per lo più alla splendida città di Petra, la Giordania è un paese unico nel suo genere, in grado di lasciare una traccia indelebile nella memoria di chi ha la fortuna di visitarla. È situata nella parte nord-ovest della penisola arabica, fra la Siria, l’Iraq l’Arabia Saudita e Israele.

L'ambiente, prevalentemente desertico, colpisce per i suggestivi canyon colorati. È ricca di castelli e importanti resti romani e bizantini. Si affaccia sul Mar Morto, famoso per l'alta salinità delle sue acque e per i fanghi curativi, e sul Mar Rosso, dove è possibile fare immersioni alla scoperta di coloratissimi fondali ricchi di pesci e coralli.

Molte sono le attività a cui si può dedicarsi, dalle escursioni in jeep a quelle sul dorso di cammello, dal bagno turco alle divertenti lezioni di cucina, da fare assolutamente un volo in mongolfiera nel deserto, costa un po' ma ne vale la pena.

(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({});

Jerash

Situata a solo un'ora di auto da Amman è considerata la Pompei del Medio Oriente. La sua costruzione iniziò attorno al 170 a.C., ma solo nel I secolo d.C. raggiunse l'aspetto visibile ancora oggi. La Piazza Ovale è una tra le più imponenti progettazioni urbanistiche romane al mondo. Degni di nota anche i due teatri, l'ippodromo e il Cardo, la via principale.

Petra

Città creata dai Nabatei unica al mondo, è stata scoperta nel 1812 da un esploratore svizzero. La sua immagine più rappresentativa è quella del Khasnè, il Tesoro, l'edificio scavato nella roccia che si palesa improvvisamente agli occhi dei visitatori al termine una gola lunga un chilometro e mezzo, fatta di pareti rocciose alte da 90 a 180 metri.  Il Khasnè rappresenta l'ingresso nella Città Rosa, così chiamata per via del colore che le rocce assumo in certe ore del giorno. Da qui partono diversi sentieri per un'area di 50 kmq, e la Via Colonnato, all'epoca arteria principale della città.  A Petra il genio dell'uomo e la meraviglia della della natura si fondono insieme. I lunghi sentieri sono fatti per lo più a scalini e richiedono un discreto allenamento fisico per essere percorsi senza difficoltà.

Wadi Rum

È il deserto dove durante la Prima Guerra Mondiale il colonnello-avventuriero britannico Lawrence d'Arabia insediò il suo quartier generale. È un territorio estremamente affascinante, ricco di lunghe distese sabbiose e sculture intagliate nella roccia dagli agenti atmosferici. L'alternarsi di arenaria, calcare, basalto e granito crea uno spettacolare gioco di colori. L'area denominata Valle della Luna è decorata da torri, pinnacoli e guglie di arenaria. Anfishiyyeh ha alte dune rosse. Il Canyon di Khazali conserva circa 25.000 incisioni rupestri. 

Il Mar Morto

Si trova ad un'altritudine di 405 metri sotto il livello del mare ed è destinato a sparire a causa dell'evaporazione dell'acqua e delle dighe, situate nel territorio di Israele, che bloccano il corso degli affluenti. La concentrazione di sali e minerali è dieci volte maggiore di quella degli altri mari, ciò rende le sue acque particolarmente terapeutiche, sia a livello dermatologico, sia nella cura di reumatismi, dolori articolari, asma e ipertensione. Anche i fanghi purificano la pelle e alleviano i dolori reumatici.

Aqaba 

È una cittadina che si affaccia sul Mar Rosso. Qui la barriera corallina è ricca di vita e di colori. Facendo snorkeling o immersioni subacquee si possono ammirare anemoni di mare, coralli, pesci pappagallo, balestra e pagliaccio, murene e mante. 

Quando andare

La Giordania ha un clima mediterraneo simile a quello del Sud Italia, ma più ventoso. Sicuramente il periodo migliore per visitarla sono le mezze stagioni, ma in linea di massima con l'abbigliamento adatto e assicurandosi di pernottare in strutture con il riscaldamento d'inverno e l'aria condizionata d'estate si può andare tutto l'anno.

Come organizzarsi

Prenotare volo ed hotel non basta, quello di cui bisogna preoccuparsi principalmente sono gli spostamenti da una città all'altra. Una scelta sicuramente più confortevole rispetto all'uso dei mezzi pubblici e più economica rispetto al noleggio di un auto è quella di partecipare ad un tour di gruppo. Io sono andata con https://www.gadventures.com associazione canadese specializzata in viaggi avventure che organizza tour in lingua inglese per piccoli gruppi (10-15 persone provenienti da tutto il mondo) durante i quali si può contare sulla presenza di una guida locale e di un pulmino privato con autista.

(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({});

Quanto si spende

Dipende dallo stile e dalle esigenze individuali, ma in linea di massima è un viaggio né particolarmente economico né particolarmente costoso. Per un volo da Roma o da Milano la media è sui 300/350 euro (salvo partenze in periodi di altissima stagione o prenotazioni all'ultimo minuto che potrebbero far salire la cifra), pernottamenti e pasti sono mediamente abbastanza economici, un po' più di budget va invece preventivato per spostamenti ed escursioni.

Dove pernottare

In tutte le città e vicino ai principali siti archeologici è possibile trovare strutture alberghiere accoglienti, confortevoli. Sicuramente è consigliabile però passare anche una notte in un autentico campo beduino, per immergersi completamente nella vita e nell'atmosfera del deserto.

Cosa si mangia

I piatti giordani sono freschi, sani e profumati. La base dei piatti principali come il Mansaf o il Maqluba è il riso, di solito speziato a cui si aggiungono a piacere carne, verdure e salsa di yogurt. Buone e leggere sono anche le insalate composte per lo più da pomodori, cetrioli, barbabietole e cipolle e condite con spezie profumate e con la melassa di melagrana. Imperdibili l'Hummus (crema di ceci da spalmare sull'immancabile pane arabo) i Falafel ( Polpette di ceci tritati, prezzemolo, aglio, coriandolo e cipolla fritte nell’olio) e la muttabal (una crema di melanzane al forno mischiata alla salsa tahina a base di sesamo e arricchita di limone, aglio e olio d’oliva).

Adriana Fenzi



© Riproduzione riservata